Elicotteri e cecchini: nuova mattanza in Egitto | Avvenire RSS Feed – Avvenire Home Page

+ + +
via Avvenire RSS Feed – Avvenire Home Page
Post completo / Whole post … aquí/here/qui
+ + +

Il pugno di ferro usato dalle Forze ar­mate egiziane contro i sostenitori del presidente islamista Moham­med Morsi nello sgombero dei sit-in di piazza al-Nahda, a Giza, e Rabaa al-Adawiya, al Cairo, non ha fermato la de­terminazione dei sostenitori del presi­dente deposto lo scorso 3 luglio con un colpo di Stato.

Il «Giorno della collera»
In vista la corte marziale
Nelle prossime ore, a quanto rivelano fonti della sicurezza, il governo potreb­be proclamare la Legge marziale per stroncare quello che si sta trasforman­do in un conflitto civile. Anche ieri il Cai­ro e molti altri centri urbani (Alessan­dria, dove sarebbero 40 le persone ucci­se dai colpi sparati dai tank dell’eserci­to, Giza, Ismailia, Tanta, Mansoura, Da­mietta, al-Arisch, Fayoum, Marsa Ma­trouh), sono stati militarizzati – blinda­ti in tutti i punti nevralgici – e messi a fer­ro e fuoco, dopo le marce di centinaia di migliaia di pro-Morsi formatesi per ce­lebrare quello che è stato chiamato il «Giorno della collera». Così l’“Alleanza per la legittimità e la democrazia”, in cui la Fratellanza musulmana ha il ruolo di timoniere, ha denominato la giornata, con chiaro riferimento a quel 25 gen­naio 2011 in cui l’esasperazione popo­lare nei confronti del regime di Hosni Mubarak diede il la alla rivolta. I cortei convocati nella sola capitale sono stati 28. Ancora una volta, “guerra” di cifre: 27 i morti per il governo, almeno 95 se­condo i pro-Morsi.
La battaglia di piazza Ramses
Le fosse comuni e le atrocità
La battaglia si è concentrata in piazza Ramses: lancio di gas lacrimogeni da parte della polizia, raffiche dagli elicot­teri militari, spari dal centrale ponte 15 maggio. E sul Web hanno cominciato a circolare immagini di fosse comuni ri­trovate dagli agenti di fronte alla mo­schea di Rabaa, opera degli islamisti.
I Fratelli: «Resistenza a oltranza»
Il governo: «Complotto terrorista»
La Guida suprema dei Fratelli Musul­mani, Mohammed Badie, ha incitato al­la “resistenza”: «Il popolo che manifesta pacificamente nonostante la ferocia del colpo di Stato militare, resisterà fino a quando il golpe svanirà». La Fratellanza ha promesso «settimane di proteste». E ha accusato Washington di aver orga­nizzato il golpe anti-islamista. Per par­te loro, gli attivisti di Tamarod (anti-Morsi) hanno invece chiesto alla popo­lazione di mobilitarsi, proteggendo i quartieri, così come i luoghi di culto mu­sulmani e cristiani, dai «terroristi». Il go­verno, impermeabile alle critiche, ha re­so noto che sta «combattendo contro un malvagio complotto terrorista».
I Ventotto: subito un vertice
«Rivedere aiuti e rapporti»
Ma ieri è stata anche la giornata della forte presa di posizione da parte dell’Unione Europea: con toni inusitatamen­te duri, il capo della diplomazia Ue, Catherine Ashton, ha dichiarato che la responsabilità del massacro in corso ri­cade massicciamente sul governo ad interim egiziano, così come sull’am­pia leadership politica, intendendo il fronte che ha appoggiato la deposi­zione di Morsi. Su richiesta di Francia e Germania, i ministri degli Esteri dei 28 si incontreranno a Bruxelles lunedì per una «concertazione urgente». Pa­rigi, peraltro, non esclude che, per fa­re pressione sul Cairo, si possano so­spendere gli aiuti Ue all’Egitto, pari a 500 milioni di euro. Anche la Germa­nia «riesaminerà le sue relazioni con l’Egitto», si legge in un comunicato di Berlino, che sconsiglia viaggi in Egitto, al pari di Madrid. Londra chiede l’in­vio di osservatori Ue. Nell’attesa, le ca­pitali europee si sono già confrontate: il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese François Hol­lande ne hanno discusso telefonica­mente, poi è stata la volta di un dialo­go fra Parigi e Londra, seguito da uno scambio di idee fra il premier italiano Enrico Letta e Hollande. Anche il mi­nistro degli Esteri italiano Emma Bo­nino, che ha chiesto un «vertice im­mediato » sulla crisi, ha avuto uno scambio con Ashton per «concordare» un approccio comune.
Nuove dimissioni «eccellenti»
Oscurata la tv «al-Jazeera»
Al Cairo, dopo le dimissioni eccellenti del vice premier Mohammed al-Baradei, ie­ri ha lasciato l’incarico anche Khaled Dawood, portavoce del Fronte di salvez­za nazionale egiziano, piattaforma degli oppositori anti-Morsi nel recente passa­to. Fuori dalla capitale, infine, si segnala la caccia all’uomo governativa, con una serie di arresti tra i leader dei Fratelli mu­sulmani nella provincia di Beheira, sul Delta del Nilo, e ad Assiut. Infine, ancora si contano i morti di una mattanza che ha avuto come giorno clou mercoledì: 623 i morti in 48 ore secondo dati ufficiali, ol­tre 4mila per la Confraternita. Gli agenti uccisi sono 67. Ultimo dato: la tv panara­ba al-Jazeera è stata oscurata. Perché? Per­ché il governo la considera pro-Morsi.

+ + +
via Avvenire RSS Feed – Avvenire Home Page
Post completo / Whole post … aquí/here/qui
+ + +
May 08, 2014 at 02:00AM

* Si hay algún problema con el post, indícamelo por favor. Gracias. / * Please, let me know if there is any issue with the post. Thanks a lot. / * Ti prego di farmi sapere qualche problema col post. Grazie.

Comenta, cíñete al tema del post, respeta, sigue las netiquetas.

Por favor, inicia sesión con uno de estos métodos para publicar tu comentario:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s

A %d blogueros les gusta esto: